“Nessuno può privarti della conoscenza”, dalla storia di Malala la riflessione della piccola Chiara Garofalo

“Nessuno può privarti della conoscenza”, dalla storia di Malala la riflessione della piccola Chiara Garofalo

L’angolo della scuola


IL CORAGGIO DI MALALA è la riflessione scritta da Chiara Garofalo, studentessa di IB dell’Istituto Comprensivo E.De Cillis che spazia dal tema dell’importanza dell’istruzione fino alla piaga della violenza di genere. 

Il testo è stato scritto dall’alunna proprio in occasione della Giornata contro la violenza di genere. A partire dalla storia e dalle parole di Malala, la sua riflessione:  

La storia di Malala mi ha colpito molto e dopo aver ascoltato che è sopravvissuta ad un attentato dei Talebani perché scriveva  per un Blog della BBC a difesa dei diritti delle donne, ho paura che possano ancora colpirla e trovo incredibile che Lei continui con coraggio la sua lotta.

La storia di Malala mi ha colpito anche perché non riesco a paragonare la mia vita alla sua, io vado a scuola per imparare cose che mi serviranno per lavorare e costruirmi un futuro e per essere una persona istruita, anche se a volte preferirei stare a casa;  mentre lei ha tanta voglia di imparare e ha rischiato persino la vita pur di andare a scuola.

La storia di Malala aiuta a capire come sia la situazione scolastica in Paesi come il Pakistan, la Siria e molti alti Paesi.

Nella sua storia i Telebani non facevano andare a scuola le bambine per paura che in futuro potessero andar loro contro, proprio come ha fatto Malala.

Secondo me il fatto che Malala sia ancora viva è un bene enorme, perché così i ragazzi possono farsi un’idea su come vivono le persone in certi Paesi, di quanto sia importante l’istruzione e possono capire quanto sono fortunati perché non hanno problemi di questo tipo. Per noi ragazzi dell’Occidente è scontato che l’istruzione sia un diritto di tutti, ma non è così ovunque.

Una frase del discorso da Lei pronunciato all’Onu nel 2013 che mi ha particolarmente colpita è: …“Cerchiamo quindi di condurre una gloriosa lotta contro l’analfabetismo, la povertà e il terrorismo, dobbiamo imbracciare i libri e le penne, sono le armi più potenti. Un bambino, un insegnante, un libro e una penna possono cambiare il mondo. L’istruzione è l’unica soluzione. L’istruzione è la prima cosa”… Sono pienamente d’accordo con Malala, perché un bambino non istruito diventerà un adulto non istruito di cui tutti potranno prendersi gioco e nella maggior parte dei casi queste persone diventano schiavi sottopagati.

Il diritto allo studio è uno dei diritti fondamentali, stabilito dall’ONU.
L’istruzione è essenziale per lo sviluppo della personalità.
Purtroppo, ancora oggi in molti paesi, il diritto allo studio non viene rispettato e, nonostante i progressi compiuti nel corso degli anni, ci sono ancora milioni di bambini che non sono istruiti e che vengono privati della conoscenza.

La conoscenza è un qualcosa di cui nessuno può privarti, ti possono togliere la libertà, i soldi, i diritti, la vita, ma non la conoscenza; perché essa è la spinta al cambiamento, per rendere il Mondo un posto migliore e pacifico.

Chiara Garofalo  IB

 

CATEGORIE
Share This

COMMENTS

Wordpress (0)
Disqus ( )