La sensazione di vertigine: tipi, cause e l’efficacia del trattamento Osteopatico

La sensazione di vertigine: tipi, cause e l’efficacia del trattamento Osteopatico

Rubrica a cura di Danilo Rubino, Osteopata D.O.

Le vertigini vengono definite come sensazioni di movimento rotatorio, oscillatorio, sbandamento da posizione ferma. Si può avere la sensazione che sia la stanza o l’ambiente intorno a noi ad oscillare (oggettiva) oppure la sensazione che sia il nostro corpo ad oscillare rispetto all’ambiente (soggettiva). Possono essere associate a nausea o vomito, a mal di testa o sensibilità a luce e rumori, a sdoppiamento della vista, problemi a parlare o a deglutire, aumento della frequenza cardiaca, fiato corto, debolezza e sudori.

TIPI DI VERTIGINE

Vertigine oggettiva (periferica) –> È la più frequente tra le vertigini, di solito la causa va ricercata nel sistema vestibolare. Può essere associata a fenomeni neurovegetativi, compressione uditiva, disturbo che si risolve in poco tempo. Esempi di vertigine oggettiva sono la malattia di Ménière, la vertigine posizionale parasossistica benigna (VPPB), aura associata a vertigine emicranica, neurolabirintite.
Vertigine soggettiva (centrale) –> È più rara e solitamente il problema è da ricercare nel cervelletto e/o tronco encefalico. Il disturbo è graduale, ma dura per molto tempo.
Dizziness –> Un altro tipo di vertigine, non meno importante, è la Pseudo vertigine o Dizziness. Essa da la sensazione al paziente di sbandamento, come se si trovasse in barca. Il sintomo vertiginoso è poco intenso, il paziente infatti riesce a deambulare e a mantenere la stazione eretta. Essendo spesso associato a stati di ansia, stress e forte preoccupazione, essa è una falsa vertigine e ad andare in sofferenza non è, infatti, il sistema vestibolare, bensì le cause vanno ricercate:
• Afferenze propriocettive alterate;
• Instabilità posturale;
• Ipotensione;
• Problematiche alle faccette articolari cervicali.

CAUSE
Le cause che possono scatenare le vertigini sono differenti e non sempre gravi, alcuni sintomi possono scomparire anche da soli. Di seguito elenchiamo alcune delle cause:

• Cause di origine cervicale –> contrattura dei muscoli del rachide cervicale, mantenimento dell’ anteposizione del collo (ad esempio stando davanti al PC o al cellulare). Compressione delle radice nervose cervicali;
• Cause legate all’equilibrio –> esso infatti è la risultante dell’interazione di più sistemi: orecchio, occhio, muscoli del collo e cervello. Un disturbo di uno o più di questi sistemi, può creare problematiche che si traducono in un deficit del controllo dell’equilibrio e, conseguentemente, nella comparsa delle vertigini.
• Traumi o ferite alla testa;
• Disidratazione –> può essere dovuta all’attività fisica, assunzione di alcol, oppure quando si ha un attacco di vomito o diarrea. Queste condizioni causano una perdita di liquidi nel corpo che scatenano le vertigini improvvise;
• Compressione microvascolare –> in questo caso si ha un congestione dell’ VIII nervo cranico (nervo vestibolo-cocleare). Le vertigini, l’intolleranza ai movimenti e gli acufeni, sono attribuiti all’irritazione e dalle compressione della porzione vestibolare di tale nervo da parte di un vaso sanguigno. Le cause della compressione microvascolare possono essere anche altre.
• Bassa pressione sanguigna –> Le vertigini e la sensazione di svenimento si possono verificare quando la pressione sanguigna è troppo bassa poichè non arriva abbastanza sangue ricco di ossigeno al cervello.

PUBBLICAZIONI SCIENTIFICHE A FAVORE DELL’OSTEOPATIA

Diversi articoli scientifici pubblicati su Jaoa (giornale americano di Osteopatia) ma anche su Pubmed (pricipale motore di ricerca medico), dimostrano l’efficacia del trattamento manipolativo Osteopatico (OMT) nei pazienti con vertigini.
Secondo Marcel Fraix (2010), da uno studio pilota non randomizzato il cui obiettivo stava nel valutare la sicurezza e la fattibilità dello studio dell’OMT e la sua potenziale efficacia per i pazienti con vertigini, è emerso che l’OMT è generalmente ben tollerato nei pazienti con tale disturbi.
In un altro articolo condotto da Marcel Fraix, Ashlynn Gordon , Victoria Graham , Eric Hurwitz , Michael A Seffinger (2013), si poneva come obiettivo il valutare l’effetto dell’OMT per la disfunzione somatica spinale in pazienti con vertigini che durano più di 3 mesi. I risultati sono stati soddisfacenti e si è potuto affermare che il trattamento manipolativo osteopatico per la disfunzione somatica spinale ha migliorato l’equilibrio nei pazienti con vertigini della durata di almeno 3 mesi.
Bibliografia
• Fraix M. Osteopathic manipulative treatment and vertigo: a pilot study. PM & R: the journal of injury, function, and rehabilitation. 2010;2(7):612–8.
• Fraix M, Gordon A, Graham V, Hurwitz E, Seffinger M. Use of the SMART Balance Master to quantify the effects of osteopathic manipulative treatment in patients with dizziness. The Journal of the American Osteopathic Association. 2013;113(5):394-403.

CATEGORIE
TAGS
Share This

COMMENTS

Wordpress (0)
Disqus ( )